Il porto di Senigallia prosegue la sua valorizzazione. Negli ultimi anni sono stati raggiunti numerosi obiettivi, tutti nella direzione di far cresere le tre funzioni storicamente presenti nell’area: la pesca, il turismo da diporto e la cantieristica.
Dopo il completamento dei lavori di ristrutturazione e miglioramento di qualche anno fa, sono stati effettuati nuovi interventi e, da tempo, l’area portuale non può più essere considerata separata e chiusa come in passato.
Grazie anche a finanziamenti concessi dalla Regione Marche con i fondi europei per la pesca, il porto della Rovere è stato ri-progettato completamente, con un nuovo avamporto, nuove banchine e passeggiate. Negli ultimi mesi sono inoltre state realizzate numerose opere con spese a carico di Gestiport e dell’Amministrazione comunale. Tra queste:
– la ristrutturazione dell’edificio funzionale al Faro;
– un muretto parasabbia sulla banchina del molo di ponente;
– un nuovo parcheggio nell’area ex cantiere navalmeccanico;
– la sistemazione e la verniciatura della passerella lignea;
– la posa in opera pali porta bandiere;
– il posizionamento di contenitori per la raccolta differenziata dei rifiuti prodotti dalle imbarcazioni da diporto;

Post precedente

ALLUVIONE: DOPO POCHI GIORNI SENIGALLIA E' TORNATA UNA CITTA' NORMALE

Post succesivo

DEMOLIZIONE CIMINIERA EX ITALCEMENTI SENIGALLIA

Fabio Girolimetti

Fabio Girolimetti

Nato a Senigallia nel maggio 1968, giornalista pubblicista dal 1992, a 25 anni diventa direttore responsabile di Radiomania. Specializzato nello sport, per anni effettua radiocronache e telecronache, oltre a condurre trasmissioni di diverso genere sui principali media marchigiani. Collabora con La Gazzetta di Ancona, Raitre sede regionale delle Marche, gestisce prestigiosi uffici stampa, organizza e presenta importanti eventi. Dal 1996 fonda con Ciro Montanari l’agenzia Nerosubianco, della quale oggi è amministratore unico.

Nessun Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *