E’ Stefano Goldoni lo “Sportivo dell’anno” 2016. Mai come quest’anno la “maratona elettorale” è stata incerta fino alla fine, con le preferenze espresse in diretta radiofonica che hanno determinato la nomina dell’allenatore del Miciulli: con 18 voti Goldoni ha superato di stretta misura, con i suoi 16 voti, Elisabetta Saraga, autentica trascinatrice della Puntopiù che ha conquistato poche settimane fa la Serie C di pallavolo femminile. Terzo classificato a quota 13 Tommaso Conz, l’ultramaratoneta della Never stop run che ha insidiato fino all’ultimo le prime due piazze.

Elisabetta-Saraga

tommaso conz
Stefano Goldoni, per tutti “Fefi”, si conferma un pezzo importante della storia sportiva senigalliese; succede al Alberto Lanari, il primo a vincere per due volte il titolo di “Sportivo dell’anno”.
Anche per Goldoni è questo il secondo successo, ma con una particolarità decisamente singolare. La “doppietta” si è infatti concretizzata in due vesti diverse: nel lontano 2000 aveva vinto da calciatore, capitano della Vigor, con la quale in quell’anno raggiunse il record di 306 presenze in maglia rossoblù. Un record, poi ulteriormente ampliato, sicuramente difficile da eguagliare. A sedici anni di distanza, l’affermazione da allenatore del Miciulli, che guida in panchina dalla sua fondazione e che in pochi anni ha portato dalla Terza categoria alla Promozione, al culmine di un campionato straordinario per la formazione senigalliese.
Quarti a pari merito gli altri sportivi in nomination: il giovanissimo playmaker della Goldengas Michele Caverni, autore di una eccellente stagione; il suo compagno di squadra Fabrizio Pasquinelli, che da allenatore si giocherà nei prossimi giorni la promozione in Serie D con la Maior Basket; il giovane motociclista Federico Sanchioni che si sta facendo conoscere a livello nazionale nel mondo delle superbike e l’altrettanto promettente pallavolista Giacomo Gamberini, determinante per la salvezza in Seric C della Max Control e, infine, il presidente dell’Olimpia Marzocca Euro Cerioni, che ha soltanto sfiorato una altrimenti storica promozione in Eccellenza.
Quest’anno era composta da 67 persone la giuria di “grandi elettori”: autorità, giornalisti, sponsor della trasmissione “Bar Sport”, dirigenti e tecnici delle maggiori società sportive, lo staff della trasmissione di Radio Velluto e, come sempre, i vincitori degli anni passati dello “Sportivo dell’anno”, che acquisiscono il diritto di voto.
Stefano Goldoni, Elisabetta Saraga e Tommaso Conz saranno premiati nella serata di venerdì 10 giugno al Foro Annonario, quando saranno assegnati anche i premi alla carriera, gli “Sportivi junior” ed i premi speciali per chi si è distinto in questa annata sportiva e per le squadre che hanno raggiunto l’obiettivo del salto di categoria.

Post precedente

GYMFESTIVAL 2016

Post succesivo

GRAZIE A GYMFESTIVAL STUDENTI DA TUTTA ITALIA

Fabio Girolimetti

Fabio Girolimetti

Nato a Senigallia nel maggio 1968, giornalista pubblicista dal 1992, a 25 anni diventa direttore responsabile di Radiomania. Specializzato nello sport, per anni effettua radiocronache e telecronache, oltre a condurre trasmissioni di diverso genere sui principali media marchigiani. Collabora con La Gazzetta di Ancona, Raitre sede regionale delle Marche, gestisce prestigiosi uffici stampa, organizza e presenta importanti eventi. Dal 1996 fonda con Ciro Montanari l’agenzia Nerosubianco, della quale oggi è amministratore unico.

1 Comment

  1. fabrizio
    23 maggio 2016 at 20:36 — Rispondi

    Caro Girolimetti,
    nel condividere la scelta dello Sportivo dell’Anno 2016 in Stefano Goldoni (per il quale peraltro abbiamo votato),vorrei ricordarti che la U.S.Vigor Senigallia pur dovendo subire una retrocessione ,ha valorizzato giocatori quasi tutti di Senigallia,di sua proprietà,ed e’ risultata la squadra nel Girone di Eccellenza piu’ giovane d’Italia.Mi sembrava opportuno informarti di questo risultato che sarebbe stato interessante segnalare in questa serata di sport ,rivolto ai giovani sportivi e non ,ma soprattutto far capire che dietro un pallone non c’e’ solo il risultato sportivo,ma anche tanto vero impegno sociale .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *