Quando si parla di sociale, è purtroppo spesso consuetudine trarre conclusioni affrettate, attribuendo inappropriatamente considerazioni negative sull’operatività del settore. D’altra parte, rispetto a non troppo anni fa quando la solidarietà aveva un significato profondo, oggi si ragiona spesso in modo egoistico, dando priorità assoluta a se stessi ed alla propria condizione e situazione.

Ma impegnarsi per il sociale è e resta una priorità per il Comune di Trecastelli.

2

Lavorare per il sociale non è insomma affatto semplice. Nella pratica, a volte si vorrebbe fare tanto perché i soggetti destinatari ne hanno veramente bisogno, ma non ci sono possibilità concrete. Altre volte, ci si trova invece addirittura costretti a prendere decisioni che non sono quelle che si vorrebbero. C’è poi il lato morale che, in circostanze come queste, assume grande importanza. Si ottiene enorme soddisfazione, semplicemente perché si viene ringraziati per quanto fatto. Potrebbe essere anche un apporto minimo, ma dal punto di vista di chi ottiene solidarietà acquisisce un valore enorme.

Ma cosa sono i servizi sociali ? Sono tutti quei servizi che permettono di aiutare le persone e quindi le famiglie in difficoltà.

Un obiettivo che l’Amministrazione comunale di Trecastelli, fin dal suo insediamento, ha sempre cercato di raggiungere, fornendo segnali positivi attraverso l’attuazione di vari e precisi strumenti.

3

In primis, stipulando il protocollo d’intesa con la Caritas di Senigallia ed instaurando così un duraturo rapporto di collaborazione che si concretizza nell’unione di risorse al fine di poter sollevare le famiglie – dove quasi sempre ci sono minori – da situazioni di particolare malessere socio-culturale ed economico.

E va sottolineato che, attualmente, più che mai, questo disagio riguarda non solo gli stranieri ma anche molte famiglie italiane, dove la combinazione di molti fattori come la perdita del lavoro, il disagio sociale e culturale determinano situazioni di vita difficilmente gestibili e sopportabili.

Oltre al fondamentale rapporto di collaborazione con la Caritas, l’assessorato ai servizi sociali del Comune di Trecastelli, ha concretizzato una lunga serie di progetti.

4

 

Per quanto riguarda la fascia dei bambini e quindi dei minori con handicap fisici e/o psicologici-cognitivi, i contesti familiari a volte problematici dovuti alla perdita del lavoro o alla presenza di disagi socio-culturali in cui alcuni bambini vivono, determinano l’aumento della presenza di alcune patologie che insorgono durante la crescita. Una tra le più note è l’anoressia, o malesseri psicologici e di relazione con gli altri dovuti proprio al particolare vissuto dei genitori.

Tutte problematiche sociali, delle quali l’assessorato ai servizi sociali si prende carico attraverso vari strumenti:

– sostegno a scuola e/o a domicilio con la figura dell’educatore per un totale di 156 ore alla settimana per una spesa complessiva di circa 125 mila euro per anno scolastico;

5

 

in più è attivo ormai da alcuni anni il servizio ADEM2 svolto dall’associazione “Il Valigiante” con educatori professionisti che per 2 giorni alla settimana presso i locali comunali di Castel Colonna forniscono aiuto ed affrontano con competenza le problematiche dei minori seguiti.

– progetti di supporto a sostegno di tutta la famiglia;

– inserimento in comunità per i casi più gravi, di concerto con il personale medico preposto.

Sempre per quanto riguarda la scuola, anche per l’anno 2016-2017, è stato confermato il contributo di 18 euro a bambino residente, di cui 3 euro per l’acquisto di materiale per le pulizie e 15 euro per la realizzazione di progetti a sostegno della didattica ed acquisto di materiale didattico, per un totale di euro 12.114 euro.

Inoltre, per dare a tutti i bambini la possibilità di provare l’esperienza del pulmino ed a favore di una maggiore autonomia degli alunni disabili, è stato attivato il servizio di accompagnatore che aiuta i bambini durante il tragitto casa-scuola e viceversa. Attualmente i bambini seguiti sono 5. Sui pulmini dove non ci sono alunni disabili, viaggiano dei volontari Auser nel tragitto di ritorno per vigilare sul corretto comportamento dei ragazzi a tutela degli stessi.

6

Tante scelte di sostanza, insomma, attraverso le quali l’Amministrazione conferma la massima e fattiva collaborazione con l’istituto comprensivo Nori de’ Nobili sotto tutti i punti di vista, sia a livello di sicurezza ed adeguatezza degli edifici scolastici, sia a livello di didattica e di crescita culturale degli studenti. Senza dimenticare il lavoro effettuato per il miglioramento della qualità del cibo fornito a favore del biologico, della carne di razza marchigiana, il progetto PAPPA-FISH e dei prodotti a km 0 come lo yogurt ed i formaggi.

C’è poi la fascia degli anziani, un segmento molto delicato, soprattutto nei casi di mancata consapevolezza del futuro, che ha accompagnato queste persone per tutta la vita e che attualmente si trovano in ulteriore difficoltà perché non hanno una casa e non hanno buoni rapporti con i parenti.

7 8

Con l’ausilio della figura dell’assistente sociale, l’Amministrazione comunale si impegna per trovare loro una soluzione anche abitativa e  condivisa con altre persone che vivono problematiche simili.

Nella comunità di Trecastelli, si registra la presenza di tanti stranieri, spesso senza lavoro o sottopagati e con figli da crescere.

Per questo, anche per il triennio 2017-2019 l’assessorato ai Servizi Sociali ha aderito al progetto Sprar coordinato dall’ATS n.8, ovvero l’accoglienza degli immigrati in un’ottica diffusa e compatibile con la comunità ed il territorio, con l’obiettivo di favorire un’integrazione reale e serena.

Da sottolineare poi la convenzione con la sede di Jesi dell’AUSER, associazione nazionale per l’invecchiamento attivo, che, attraverso un impegno attivo degli associati nello svolgimento di tanti piccoli ma utilissimi servizi a favore della comunità, rende possibile aiutare famiglie in difficoltà. Un progetto con un doppio obiettivo: da un lato mettere in piedi grazie ai volontari tanti piccoli servizi a favore della comunità che spesso possono fare la differenza; dall’altro viene riconosciuto un piccolo contributo a queste persone che comunque nella loro vita si trovano in condizioni di disagio.

Per l’ampia fetta della comunità, composta da persone giovani e meno giovani, disoccupate o con patologie sanitarie più serie, a volte si interviene con strumenti di sostegno come il sussidio, la borsa-lavoro e la stessa convenzione con l’associazione Auser.

Lo scorso mese di agosto, la Regione Marche ha pubblicato il bando over 30, strumento a sostegno della fascia di cittadini che hanno più di 30 anni e che non riescono a reinserirsi nel mondo del lavoro.

Il progetto prevede una borsa-lavoro della durata di 6 mesi per un compenso lordo di 650 euro al mese, pagato dalla Regione Marche.

Il bando è scaduto lo scorso 24 ottobre, e diversi cittadini di Trecastelli sono riusciti a fare la domanda grazie ad impegno, costanza e caparbietà dell’assistente sociale Paola Manoni e dell’assessore ai servizi sociali Francesca Gregorini, che hanno fornito contributi fondamentali per il rispetto delle tempistiche ed ora si attende l’esito delle graduatorie.

E’ stato infatti decisivo, e allo stesso tempo molto faticoso, aiutare i cittadini a cercare una ditta ospitante. D’altra parte, può sembrare scontato che l’azienda accetti a fronte del fatto che ciò non le comporti alcun esborso, ma in realtà non è così.

Per quanto concerne il servizio civile nazionale 2016, il Comune di Trecastelli ha partecipato alla domanda di ammissione all’apposito Bando per partecipare alla selezione di 282 volontari (tra i 18 ed i 28 anni) per i 32 progetti approvati per le Marche.

Per Trecastelli, sono disponibili tre posti per volontari che hanno scelto il progetto “L’ascolto non ha età: giovani e anziani più vicini”, che rientra nei servizi sociali di assistenza per anziani ed è uno dei quattro progetti approvati e finanziati al Comune di Senigallia come ente capofila dell’Ambito Territoriale n.8 (ATS8).

La durata del servizio è di dodici mesi ed ai volontari spetterà un assegno mensile di 433,80 euro a fronte di un impegno di 30 ore settimanali.

Di certo, un’esperienza che sotto l’aspetto umano cambia la vita, offrendo nuove prospettive e nuovi punti di vista per affrontare i problemi quotidiani.

Da sottolineare anche la convenzione con il Tribunale di Ancona per 3 posti alla volta per lavori di pubblica utilità e la messa alla prova per reati non gravi.

Oltre a svolgere, un’importante mole di lavoro, il Comune di Trecastelli ha effettuato da circa un anno un’ottima scelta organizzativa per il sociale.

Presso l’ex municipio di Monterado è stato infatti creato un nuovo ufficio, con l’obiettivo di raggruppare gli impegni assunti in due grandi macroaree:

– la necessità in ambito sociale di avere personale sempre più specializzato per riuscire a reperire le risorse derivanti da finanziamenti europei;

– l’offerta di servizi sociali sempre più omogenei e di qualità in tutto l’ambito territoriale sociale n.8, che va da Senigallia ad Arcevia.

Un lavoro insomma complesso sotto ogni punto di vista. Ma dedicare tempo, professionalità e passione al settore servizi sociali della comunità, e allo stesso tempo promuovere il bene comune a favore di persone deboli e sfortunate, rappresentano il vero significato della cultura della solidarietà.

Post precedente

PANZINI, LA SCUOLA CHE INSERISCE NEL LAVORO

Post succesivo

LICEO MEDI, CONOSCENZE, COMPETENZE ED ABILITA'

Fabio Girolimetti

Fabio Girolimetti

Nato a Senigallia nel maggio 1968, giornalista pubblicista dal 1992, a 25 anni diventa direttore responsabile di Radiomania. Specializzato nello sport, per anni effettua radiocronache e telecronache, oltre a condurre trasmissioni di diverso genere sui principali media marchigiani. Collabora con La Gazzetta di Ancona, Raitre sede regionale delle Marche, gestisce prestigiosi uffici stampa, organizza e presenta importanti eventi. Nel 1996 fonda con un altro socio l’agenzia Nerosubianco, della quale oggi è amministratore unico.

Nessun Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *