Uno strumento importante per la salute, a beneficio di tutta la comunità dell’area: è operativa dalla metà dello scorso mese di gennaio all’Ospedale di Pergola la nuova MOC, la macchina per la misurazione della mineralometria ossea computerizzata donata dalla Banca di Credito Cooperativo di Pergola e Corinaldo. La notizia era molto attesa, visto che le strutture ospedaliere di quella zona della regione ne erano sprovviste e per fare un esame che riguarda una parte rilevante di popolazione, soprattutto femminile, era necessario spostarsi ad Urbino o presso cliniche private. Il macchinario in questi giorni è utilizzato dai tecnici di radiologia che si stanno addestrando sul suo utilizzo, ma a breve, dopo questa prima fase di test, verrà ufficializzata anche la prenotazione degli esami attraverso il Cup.

Quello allestito presso l’ospedale pergolese è un macchinario della General Electric, il Lunar Prodigy Pro Full, di ultima generazione e fascia elevata, che utilizza la tecnica DEXA (Dual X-ray Absorptiometry), più performante rispetto ad altri macchinari in attività. In pratica questo dispositivo, tramite un esame radiologico non invasivo, permette di giungere a diagnosi precise e soprattutto precoci, ovvero prima di arrivare a quelle fratture patologiche dovute all’osteoporosi che riguardano soprattutto la popolazione anziana. E’ infatti noto come le fratture femorali o vertebrali siano il nemico numero uno nell’età più avanzata. Ma non solo: in questo pur breve periodo gli addetti dell’ospedale di Pergola hanno infatti notato come anche in donne più giovani, soprattutto dopo la menopausa, si registri una densità ridotta (la cosiddetta osteopenia) che con una diagnosi precoce è tuttavia possibile tenere sotto controllo, spesso con azioni semplici come l’attività fisica o l’integrazione di minerali. La MOC installata a Pergola, oltre a diffondere una quantità davvero minima di radiazioni, ha un’altra rilevante caratteristica: può infatti calcolare la percentuale di rischio di frattura patologica, un dato decisamente utile per le successive cure degli specialisti.

Un macchinario all’avanguardia quindi, con un costo piuttosto elevato che è stato possibile contenere in parte grazie anche alla sensibilità dell’azienda fornitrice, che ha riconosciuto l’esigenza di fornire la sanità pubblica del territorio di uno strumento così importante. La richiesta di dotare la struttura di questo strumento è stata presentata alla Bcc di Pergola e Corinaldo dal dottor Francesco Lionetti, medico presso la radiologia dell’ospedale pergolese, di concerto con il primario facente funzioni dottoressa Chiara Giorgi e successivamente con l’avvallo del nuovo primario dottor Filippo Cademartiri, che nel frattempo l’aveva sostituita. Da parte sua, la banca ha valutato positivamente il progetto, riconoscendone la valenza sociale sul territorio e stanziando quindi i circa 65mila euro necessari all’acquisto.

La scelta di donare questo strumento non è stata casuale da parte della Bcc di Pergola e Corinaldo: con il dato dell’aspettativa di vita in costante crescita, la MOC risulta essere fondamentale per monitorare le patologie della popolazione anziana, molto presente nella nostra comunità.

 

Nella foto:

1 – La MOC donata all’Ospedale di Pergola dalla Bcc di Pergola e Corinaldo

Post precedente

TRASMISSIONE NEROSUBIANCO DEL 14 FEBBRAIO 2021

Post succesivo

TRASMISSIONE NEROSUBIANCO DEL 21 FEBBRAIO 2021

Fabio Girolimetti

Fabio Girolimetti

Nato a Senigallia nel maggio 1968, giornalista pubblicista dal 1992, a 25 anni diventa direttore responsabile di Radiomania. Specializzato nello sport, per anni effettua radiocronache e telecronache, oltre a condurre trasmissioni di diverso genere sui principali media marchigiani. Collabora con La Gazzetta di Ancona, Raitre sede regionale delle Marche, gestisce prestigiosi uffici stampa, organizza e presenta importanti eventi. Nel 1996 fonda con un altro socio l’agenzia Nerosubianco, della quale oggi è amministratore unico.

Nessun Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *