Chi può pensare che l’alcol sia una sostanza tossica, potenzialmente cancerogena e con una capacità di indurre dipendenza superiore alle droghe illegali più conosciute?

Pochi. Tantomeno coloro che trascorrono la giornata con l’idea fissa di bere. Eppure, in Italia sono 3 milioni i bevitori a rischio ed 1 milione gli alcolisti, mentre gli astemi rappresentano solo il 25% della popolazione.
Smettere di bere si può. Con l’obiettivo di disintossicare e accompagnare il paziente nel tortuoso percorso che può riportarlo alla vita, il dott. Aliotta ha creato una struttura per il recupero delle dipendenze assolutamente innovativa. Si tratta del Centro San Nicola di Piticchio di Arcevia, il primo esperimento di riabilitazione dall’alcol secondo una logica di filiera.

a1
Il primo e il secondo piano del Centro San Nicola possono ospitare fino a 30 pazienti ambosessi, mentre i locali di soggiorno sono attrezzati per la vita in comunità, ma mantengono il calore e la comodità del salotto di casa. Poi c’è la cucina dove gli ospiti, a turno, seguiti da un operatore preparano i pasti che consumeranno insieme.

hqdefaultfront-of-the-casa
Il parco del Centro è invece attrezzato per le attività fisiche e ricreative: dall’orto all’ippoterapia, dal campo sportivo alla piscina, passando per innumerevoli passeggiate.

Post precedente

NEROSUBIANCO del 29 DICEMBRE 2012 (intervista al direttore di Tv Centro Marche)

Post succesivo

CORSO DI TURISMO SPORTIVO AL "PANZINI" DI SENIGALLIA

Fabio Girolimetti

Fabio Girolimetti

Nato a Senigallia nel maggio 1968, giornalista pubblicista dal 1992, a 25 anni diventa direttore responsabile di Radiomania. Specializzato nello sport, per anni effettua radiocronache e telecronache, oltre a condurre trasmissioni di diverso genere sui principali media marchigiani. Collabora con La Gazzetta di Ancona, Raitre sede regionale delle Marche, gestisce prestigiosi uffici stampa, organizza e presenta importanti eventi. Nel 1996 fonda con un altro socio l’agenzia Nerosubianco, della quale oggi è amministratore unico.

Nessun Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *